23 Set

2019

By / Cavanna Staff

Comunicazione con l’ufficio durante il trasloco

Se si parla di trasloco si pensa subito ad una abitazione. Ma se a traslocare è invece un ufficio? Sicuramente non è molto semplice spostare un punto di lavoro, per ragioni logistiche e organizzative. Molte le cose da spostare e soprattutto il lavoro da gestire, anche se per una brevissima chiusura dell’azienda.

Già questi sono motivi sufficienti per trovare una ditta di traslochi professionale e affidabile, che abbia già eseguito traslochi “commerciali”. Ma vi sono altri passi importanti da fare per il trasloco di un ufficio.

LA DITTA DI TRASLOCHI

Per traslocare con l’ufficio è bene affidarsi ad una ditta di traslochi.  Poichè le attrezzature da spostare sono molte; molti sono i mobili e i documenti, è bene che siano professionisti ad occuparsi di tutti gli arredi e  le attrezzature elettroniche. Saranno loro ad occuparsi di  rimontarli nella nuova sede. Una ditta di traslochi professionale sa sempre come organizzarsi anche nel movimentare archivi e documenti.

LA BUROCRAZIA

La burocrazia è noiosa, si sa, ma è bene tenerla in buon conto per incorrere il meno possibile a disguidi al momento del trasloco. Comunichiamo agli uffici competenti la nuova sede, in modo da evitare ritardi e fastidi in seguito.

comunicazione

 COMUNICAZIONE DEL TRASLOCO

La comunicazione del trasloco deve essere fatta in maniera tempestiva a clienti e fornitori. Va indicata sulla pagina del sito aziendale con la data del ritorno alla piena operatività.

LA COMUNICAZIONE AI DIPENDENTI

 

Comunicare ai dipendenti che si ha intenzione di traslocare è un passo che va fatto. Non tutti saranno contenti, per cui è bene mettere in evidenza i lati positivi. Inoltre, trovata la nuova sede, è bene concordare con i dipendenti il momento migliore per traslocare. L’importanza di questo delicato passaggio Cavanna traslochi la conosce bene, per questo, si mette a disposizione per effettuare la gestione diretta di questo genere di comunicazione.

Una volta deciso il trasloco,la sua pianificazione si farà con tutto il personale. Questo perchè è bene che tutti si sentano coinvolti anche per eventuali richieste da fare. Ogni collaboratore si prenderà cura del proprio spazio e dell’imballaggio dei suoi oggetti, completato da un inventario. In questo modo non si perderà nulla e se ci dovesse essere l’urgenza di qualche documento, anche durante il trasloco, sarebbe facile da trovare.

IL TRASLOCO

Prima del trasloco vero e proprio accertarsi che tutte le utenze siano allacciate e funzionanti: acqua, luce, Internet, gas. Nel giorno stesso del trasloco avere a disposizione un tecnico informatico che possa predisporre tutti i collegamenti necessari alla rete. Nulla deve essere lasciato al caso in modo che il lavoro abbia interruzioni minime, se non addirittura nulle.

 

UNA VOLTA FINITO IL TRASLOCO

 

Il trasloco è stressante. Non è una novità e può sembrare strano trovarsi in una sede nuova. I primi giorni saranno un poco strani, ma poi la routine la farà da padrona. Se nei primi giorni qualcuno arriverà un pò in ritardo soprassediamo, non facciamoci prendere dalle nevrosi. Un minimo di abitudine serve a tutti per adeguarsi a nuove distanze, a nuovi ambienti.

Cavanna Staff

Leave A Comment