08 Ott

2019

By / Cavanna Staff

Il trasloco nel secondo millennio

Vi ricordate quando proiettavano i film di fantascienza e si vedevano treni sospesi in aria e macchine volanti che attraversavano il cielo? Avremmo tutti scommesso che i futuri viaggi sarebbero stati così e che anche il trasporto di oggetti sarebbe stato così. Magari un giorno accadrà, ma per il momento dobbiamo ancora usare mezzi con le ruote, aerei, rotaie ben piantate a terra. Ci preoccupiamo di rendere veloci i nostri spostamenti, ma raramente pensiamo che esistono lavori che di spostamenti ci vivono.

Futuro dei traslochi

 

come sarà

Il trasloco nel secondo millennio è già molto cambiato rispetto a qualche decennio fa. Lo ha voluto il progresso e la velocità con cui la vita si muove. Ma avrà ancora senso, nel futuro, spostarsi portandosi dietro tutte le proprie cose? Probabilmente sì, per la semplice ragione che non siamo mai disposti ad abbandonare completamente le nostre radici. Allora come sarà il trasloco del futuro? Forse potremo utilizzare il teletrasporto,  altrimenti ci dovremo fidare della tecnologia e della capacità degli addetti ai lavori nel migliorare il servizio.  Certamente il modello tecnologico avrà la sua influenza e la capacità di sfruttare i nuovi standard di velocità della società sarà una priorità importante. Le  aziende sanno che l’ammodernamento e lo sviluppo sono alla base della crescita. E sanno anche che sarà sempre importante portare con sè un pezzo di passato, le radici appunto. Per questo, tra le attività che saranno fagocitate dal progresso esisterà ancora quella dei traslochi. Cambierà, si evolverà, ma sicuramente non sarà assorbita.

Le aziende di trasloco sono pronte al futuro?

Le aziende di trasloco, quelle professionali, quelle con esperienza sono pronte al futuro che verrà. Magari cambieranno la loro gestione che diventerà più tecnologia; magari i loro mezzi di trasporto saranno diversi o solo più adatti alle mutate condizioni, ma sono pronte. Già la gestione odierna dei traslochi è molto cambiata; basti pensare ai traslochi internazionali. Qualche decennio fa, spostarsi dall’Europa all’America per una famiglia, significava abbandonare praticamente tutto. Oggi è diverso, è possibile portare con sè ogni cosa; l’importante è avere il partner giusto per il trasloco. Oggi gli ordini possono essere seguiti telematicamente; le aziende si fanno carico di tutti i servizi accessori. Non sono più solo semplici trasportatori, ma collaboratori in un servizio alla persona.  Cambieranno ancora le cose, sicuramente: la semplice azienda di trasloco si trasformerà sempre più in un’ agenzia di servizi, migliorando così un’esperienza che può essere anche traumatica. Ma alla base di tutto ci sarà sempre e solo una cosa: competenza.

Considerazioni

 

 

 

Non sarà la categoria a cambiare: i traslochi rimarranno tali. Potranno cambiare i mezzi, le modalità, ma quello che non cambierà sarà l’attenzione, la competenza, la voglia di migliorare e l’esperienza di chi sposta una vita da una parte all’altra. Perchè di questo si tratta quando si trasloca: abbandonare un pezzetto di vita per ricondurla altrove, ma senza abbandonare quello che porta i segni della nostra vita precedente.

Cavanna Staff

Leave A Comment