01 Ott

2019

By / Cavanna Staff

Trasloco dell’ufficio e lavoro

 

 

Trasloco dell’ufficio: come la nuova sede può diventare un ufficio efficiente in pochi giorni? Tutto dipende dal modo in cui si esegue il trasloco. Ovviamente valutare gli spazi disponibili nella nuova sede  è la prima cosa da fare e un sopralluogo con la ditta che effettuerà il trasloco è sicuramente la scelta migliore.

Il trasloco di un ufficio, non è solo spostare degli oggetti da una vecchia sede ad una nuova, è altra cosa; è il nostro lavoro che si muove e che richiede impegno, e lucidità oltre che organizzazione e collaborazione. Il nuovo ufficio sarà la postazione del lavoro per molto tempo e quindo meglio che sia efficiente sin da subito. E’ opportuno prendere le opportune misure, e magari realizzare anche degli schizzi per posizionare i mobili: razionalizzare gli spazi fin da subito permetterà un trasloco semplice ed efficiente.

La prima cosa da verificare è l’impianto elettrico e la posizione delle prese per poter installare computer e stampanti; da verificare anche i punti di di illuminazione. Se qualcosa va modificato meglio farlo prima del trasloco e mettere così gli operai in condizione di posizionare direttamente gli apparecchi e i mobili senza perdite di tempo.

INIZIA IL TRASLOCO DELL’UFFICIO

Volendo fare un trasloco perfetto di un ufficio, esso andrebbe eseguito durante il fine settimana. Magari se vi sono dei collaboratori è bene chiedere la loro disponibilità, e iniziare il lavoro. Ovviamente la disponibilità deve essere chiesta anche alla ditta che dovrà effettuare il lavoro. Se si riesce a conciliare il tutto, si potrà finire la settimana e ricominciarla direttamente nella nuova sede: non si sarà perso tempo, non si sarà interrotto il lavoro.

Altra priorità sarà quella di informare clienti e fornitori del nuovo indirizzo ed è un’operazione che va fatta preventivamente, indicando la data in cui si sarà operativi al nuovo indirizzo. Per non dimenticare nessuno è bene predisporre una lista con tutti i nomi, i recapiti telefonici e le e-mail e spuntare via via.

Ora non resta che cominciare il trasloco vero e proprio; se abbiamo dato alla Ditta anche la responsabilità di provvedere agli imballaggi non avremo problemi, altrimenti li avremo dovuti preparare in anticipo. Ogni scatola deve essere opportunamente etichettata con l’indicazione precisa del suo contenuto. Usare le frecce di indicazione in caso di oggetti che non vanno capovolti; utilizzare l’indicazione di “fragile” ove sono allocati computer, macchine, suppellettili delicate.

 

COSA FARE CON IL VECCHIO UFFICIO

trasloco dell'ufficio

Quando i collaboratori stanno ordinando la nuova sede per renderla operativa, tocca chiudere la vecchia. Un ultimo controllo per vedere se si è dimenticato qualcosa è obbligatorio: controllare i contatori delle utenze, accertarsi che tutto sia in ordine, accertarsi di non aver dimenticato nulla e chiudere definitivamente l’ufficio.

Il trasloco è finito, e seppure stancante, avrà ottenuto i risultati sperati: tutto è in ordine nella nuova sede e pronto a ripartire in un nuovo inizio della settimana, senza aver perso una sola ora di lavoro, e riuscendo a sistemare ogni cosa in tempo utile. Tutto questo sarà possibile programmando in anticipo il trasloco e affidandosi a una ditta che è disponibile anche nei fine settimana.

 

Cavanna Staff

Leave A Comment